venerdì 30 aprile 2010

I POLI DI INNOVAZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE


La Regione Piemonte, prima in Italia, ha avviato 12 Poli di Innovazione, ispirandosi al modello europeo dei CLUSTER, da un anno, finanziando con oltre 60 milioni di Euro l'intero programma di Ricerca, Sviluppo e Innovazione.

E' UN INTERVENTO, una STRATEGIA di SISTEMA. L'intervista del filmato spiega che cosa significa nel concreto.

I Poli e i relativi soggetti gestori sono:

  • Agroalimentare, nelle aree del cuneese e dell’astigiano – soggetto gestore Tecnogranda spa;
  • Biotecnologie e Biomedicale, nelle aree del canavese e del vercellese – soggetto gestore: Bio p med (Bioindustry Park del canavese);
  • Chimica sostenibile, nell’area del novarese – soggetto gestore Consorzio Ibis;
  • Nuovi Materiali, nell’area dell’alessandrino – soggetto gestore Consorzio Proplast;
  • Creatività digitale e multimedialità, nell’area torinese – soggetto gestoreVirtual Reality & Multi Media Park (VRMMP);
  • Architettura sostenibile e idrogeno, nell’area del torinese – soggetto gestore Polight (Environment Park spa);
  • Energie rinnovabili e biocombustibili, nell’area del tortonese soggetto gestore PST spa (Parco Scientifico e Tecnologico Valle Scrivia);
  • Impiantistica, sistemi e componentistica per le energie rinnovabili, nell’area del verbano-cusio-ossola – soggetto gestore Tecnoparco del Lago Maggiore;
  • Energie rinnovabili e Mini hydro, nell’area del vercellese e del canavese – soggetto gestore Enermhy (Gesin srl);
  • Information & Communication Technology, nell’area del torinese e del canavese – soggetto gestoreFondazione Torino Wireless;
  • Meccatronica e sistemi avanzati di produzione, nell’area del torinese – soggetto gestore Centro servizi industrie srl;
  • Tessile, nell’area del biellese – soggetto gestore Città Studi spa;

1 commento:

Francesco Cuccuini ha detto...

Ciao Renzo!

Conosco quella bellissima scala dei Musei Vaticani.

Fu costruita da una'azienda toscana - Fonderie Marinelli - nel 1932, mi pare.

Saluti